Potatura oleandro

Potatura oleandro

La potatura è una pratica colturale che consente di contenere la crescita delle piante e di rinvigorire quelle che crescono poco e male. Una corretta potatura permette di ottenere piante esteticamente più belle e maggiormente resistenti alle avversità climatiche e alle malattie. Al contrario, interventi errati o violenti possono compromettere irrimediabilmente la futura sopravvivenza delle specie trattate. Potare le piante significa, infatti, essenzialmente tagliarle. Questi tagli possono essere fatti su qualsiasi specie di pianta, da quelle da frutto a quelle ornamentali. Se nelle prime, la potatura può avere anche delle finalità produttive, nelle seconde, le finalità sono quasi esclusivamente estetiche. Una delle piante ornamentali che beneficia della potatura è l’oleandro. Si tratta di una specie che annovera decine di varietà, alcune presenti in natura e altre create dall’uomo. La potatura si può praticare su qualsiasi varietà di oleandro, facendo però attenzione a conoscere bene le esigenze e le necessità della singola specie coltivata.
oleandro1


Caratteristiche

potaturaoleandro1 Prima di procedere con la potatura, bisogna conoscere esattamente le caratteristiche dell’oleandro. Si tratta di una pianta arbustiva probabilmente originaria dell’Asia e il cui nome botanico è Nerium oleander. Questa pianta è sempreverde e si presenta come piccolo arbusto o albero normale. Molte varietà di oleandro vengono anche coltivate in Italia, sia in vaso che a pieno campo. La pianta, in effetti, è facilmente adattabile a qualunque situazione climatica e tipologia di terreno. In giardino, l’oleandro dà vita a delle meravigliose siepi alberate e a delle barriere cespugliose ricche di colori brillanti e intensi. La bellezza dei colori di queste siepi dipende dai fiori dell’oleandro, presenti, in forma singola o doppia, con petali grandi e variamente colorati di rosa, bianco, rosso o amaranto. Le foglie dell’oleandro sono strette e lanceolate, gli steli da cui si formano i fiori sono verdi nella pianta giovane e grigi in quella vecchia. In genere, la potatura degli oleandri interviene per eliminare gli steli invecchiati e gli apparati fiorali secchi. La potatura, in queste piante, ha anche lo scopo di controllare la fioritura o di stimolarla meglio in caso di fiori scarsi o poco numerosi.



    Come procedere

    Tutti gli interventi di potatura dell’oleandro devono essere eseguiti con particolare attenzione, perché la pianta è velenosa in tutte le sue parti. Per tale motivo, i tagli di potatura vanno effettuati usando dei guanti. Gli attrezzi dei tagli vanno puliti e disinfettati prima e dopo i tagli, i guanti, invece, devono essere adatti alla potatura e preferibilmente usa e getta. Come detto al paragrafo precedente, l’oleandro si pota per eliminare gli steli sfioriti e i fiori secchi. Questo intervento si pratica tagliando gli steli per circa un terzo, cioè a dieci centimetri dalla base. Gli interventi di taglio servono a sfoltire la pianta, ma anche a condizionarne la forma. I tagli si possono effettuare, infatti, tutti alla stessa maniera su ogni stelo da potare, oppure in modo diverso, ad altezze diverse, con sfasature tra l’uno e l’altro, formando delle biforcazioni. Naturalmente, la forma dei tagli dipenderà dalla varietà di oleandro che si andrà a potare. In quella coltivata a cespuglio, i tagli dovranno cercare di mantenere inalterata la suddetta forma.


    Quando potare

    L’oleandro si pota dopo la fioritura e dunque a fine estate o in autunno. Se il clima lo permette, la potatura può essere spostata a febbraio. Durante questa stagione si elimineranno i rami deboli e si taglieranno di un terzo quelli sfioriti. Con questa tecnica si renderà più rigogliosa la fioritura successiva. E’ sconsigliato potare l’oleandro in primavera, perché in questo periodo è difficile riconoscere gli steli improduttivi da quelli produttivi. Da ricordare che l’oleandro fiorisce sui rami dell’anno e quindi vanno tagliati solo quelli dell’anno precedente. Ecco perché la stagione ideale per potare la pianta è in autunno o a fine estate: in questo periodo, i germogli dell’anno sono facilmente riconoscibili e si possono tranquillamente preservare dai tagli.


    Avvertenze

    In caso di scarsa dimestichezza con la potatura è meglio affidare l’operazione a un giardiniere esperto, il quale saprà adottare le giuste precauzioni per tagliare la pianta senza rischi. Altri interventi di potatura possono essere necessari nel caso l’oleandro venga colpito da parassiti e malattie. Una delle patologie più frequenti è il seccume dei fiori, che porta al progressivo appassimento degli stessi. Questi ultimi possono essere trattati con prodotti specifici durante la fioritura, nel caso alcuni fiori rimangano secchi, vanno rimossi proprio durante la potatura. Tagli di potatura con attrezzi non disinfettati, possono causare anche dei cancri vegetali che portano al progressivo e inesorabile appassimento della pianta. Da ricordare sempre l’uso dei guanti, perché il contatto a mani nude con l’oleandro, in caso di ingestione, può causare avvelenamento e sindromi cardiache. Nel caso la pianta venga potata a mani nude, queste vanno lavate immediatamente. Si sconsiglia anche di bruciare i residui di potatura, perché potrebbero sprigionarsi fumi tossici e altrettanto velenosi.


    Oleandro in vaso

    oleandro Dal momento che l'Oleandro è una pianta che cresce in fretta ed in modo disordinato, è necessario che la sua potatura sia effettuata regolarmente, soprattutto se avete deciso di coltivarlo in vaso. In quest'ultimo caso è meglio non correre il rischio che la pianta invada la nostra casa con i suoi rami, per questo è utile conoscere bene periodi e tecniche di potatura, per poterne controllare al meglio la forma e lo sviluppo. Dopo la fioritura dell'Oleandro in vaso, è necessario potare tutti i suoi rami fioriferi, che vanno accorciati della metà della loro lunghezza totale. I rami laterali, invece, devono essere potati fino a raggiungere i 10 centimetri di lunghezza dalla base. Una volta effettuata questa operazione basterà attendere, il vostro Oleandro si rigenererà con rapidità e più bello di prima.



    • oleandro in vaso Normalmente quando si acquista un esemplare di oleandro, questo è già dotato di un contenitore che racchiude la zolla di
      visita : oleandro in vaso

    commenti

    Nome:

    E-mail:

    Commento:


    20:52:25 -
    abramo. - commento su Potatura oleandro
    in terrazzo ho un vaso di oleandro, una sola pianta di questo cespuglio ha i fiori profumati,, un intenso profumo di ciclamino, come mai ? se riproduco i getti di questa pianta profumeranno i suoi fiori ?
    07:01:55 -
    giuseppina - commento su Potatura oleandro
    Con il vento il fogliame dell'oleandro, in vaso, è diventato secco. Posso tagliare i rami?
    12:04:08 -
    leonardo - commento su Potatura oleandro
    Buongiorno , avrei una domanda, volevo usare oleandri per fare una siepe in una villa in toscana, ma ho alcuni dubbi: l'oleandro tende ( post potatura) negli anni e potature regolari ogni hanno , ha legnificarsi? l'oleandro è consigliato se mi serve una siepe più alta che larga? in sostanza se uso un oleandro come siepe, ma ho bisogno che vada più in alto che in largo, chiedo questo perchè vedendo natura oleandro ha la tendenza ad essere una pianta dalle notevoli dimensioni, quindi non vorrei che potarla ogni hanno, porto la pianta a lignificare. grazie leo
    14:14:00 -
    montonato - commento su Potatura oleandro
    possono le radici della siepe di oleandri buttare a terra un muro di recinzione alto 2 m e lungo 18 m.? Tenendo presente che la siepe è piantata a 50 cm. dal muro e portata alta più di 4 m. Alla caduta del muro si è scoperto che il terreno dove è pianta la siepe è più alto di 40 cm. rispetto al terreno confinante. GRAZIE
    18:10:12 -
    Alessandro - commento su Potatura oleandro
    Grazie del V/s contributo estremamente chiaro ed esauriente. Cordiali saluti Alessandro