Potatura olivo

Descrizione

La potatura dell’olivo è una delle pratiche colturali maggiormente attuate dagli agricoltori per aumentare la produzione dei frutti. L’olivo è una pianta arborea coltivabile originaria delle zone mediorientali e ormai diffusa in diverse aree d’Europa, tra cui Italia, Francia e Spagna, anche se la produzione italiana supera nettamente quella francese e spagnola. A fini produttivi si coltivano circa 500 varietà di olivo da cui si ricavano frutti neri o verdi, ovvero le olive usate in alimentazione e per estrarre l’olio, la cui purezza dà origine a oli molto pregiati e certificati tra cui l’olio extravergine di oliva. Certi risultati produttivi non si potrebbero ottenere senza adeguati procedimenti di potatura che vanno effettuati in determinati periodi dell’anno e secondo le caratteristiche della pianta coltivata. La potatura dell’olivo, oltre ad accrescere la produzione, cerca anche di migliorare la forma dell’albero omonimo che naturalmente tende a crescere in maniera eccessiva e disordinata con una chioma che scende verso il basso e verso l’esterno diventando simile a un cespuglio. Questa irregolarità sottrae anche la luce ai rami più produttivi danneggiandone la resa in termine di fruttificazione.
olivo

Bellota 3512-22 - Forbici professionali per potatura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 43,82€


Finalità

potaturaolivo3La potatura dell’olivo serve per tante cose e non solo per quelle che abbiamo appena indicato al paragrafo precedente. Certo, potare un albero da coltivazione è essenzialmente legato a necessità produttive, ma anche la varietà coltivata, l’età dell’albero, le sue condizioni fisiologiche e il clima condizionano gli interventi di potatura. L’albero di olivo si pota per facilitare la raccolta meccanizzata dei frutti; per determinare la forma dell’albero adulto; per modificare la pianta a seguito di danni provocati da agenti climatici o da altri fattori, come malattie o incendi; per far fruttificare alberi ormai vecchi; per equilibrare la fase vegetativa con quella di fruttificazione al fine di migliorare la qualità delle olive prodotte. Come si può notare, ogni obiettivo di potatura si raggiunge praticando sull’albero delle precise tecniche colturali. La principale tecnica di potatura dell’olivo è il taglio.


    Bellota 3512-21 - Forbici professionali per potatura

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 43,53€


    Tagli

    olivo L’olivo, generalmente, si pota tagliando rami improduttivi, vecchi o inutili o le branche di quelli produttivi in modo da favorire l’emissione di nuovi germogli e rinnovare la fioritura e la fruttificazione dei rami fertili. I rami improduttivi sono quelli che tendono ad allungarsi. Dalla pianta vanno rimossi anche i polloni e i succhioni, rami molto robusti che sottraggono energia alla pianta. I polloni sono rami che hanno origine dalle radici. I succhioni, invece, sono rami che si sviluppano dal tronco. Questi rami, per la capacità di assorbire la gran parte delle sostanze nutritive del terreno, possono essere completamente eliminati. I tagli, nella potatura dell’olivo, vanno eseguiti individuando prima le zone da tagliare e poi procedendo a effettuare i tagli più grandi. L’andamento dei tagli deve essere dall’alto verso il basso.


    Tipi di potatura

    potaturaolivo2 In base alle parti tagliate, alle finalità delle operazioni di taglio e al momento in cui vengono effettuate, si avrà la potatura di impianto che inizia qualche tempo dopo il primo sviluppo della pianta , per condizionarne la forma, di allevamento, che viene effettuata durante la crescita della pianta giovane per facilitare la raccolta dei frutti, di ringiovanimento, per favorire la ripresa vegetativa di alberi di olivo ormai vecchi, di riforma, per migliorare la crescita della chioma danneggiata da eventi esterni, di fruttificazione, per migliorare la quantità e qualità dei frutti. Tutte queste tipologie di potatura, sono ad eliminazione cioè togliendo le parti inutili o eccessive. L’eliminazione è, infatti, più intensa negli alberi vecchi , dove la chioma viene parecchio sfoltita coincidendo con la cosiddetta potatura di ringiovanimento, mentre è più leggera negli alberi più giovani, dove a volte, in base alla varietà coltivata, può anche non essere necessaria per il primo o secondo anno. La potatura di eliminazione viene anche detta pesante quando asporta tra il 30 e 40% della chioma, mentre quando i tagli eliminano solo il 15, 20% della stessa si parla di potatura leggera. Nell’olivo i tagli di ritorno sono rari o comunque meno frequenti dei tagli ad eliminazione. Con le incisioni di ritorno si interviene su parti vegetative esistenti che vengono accorciate o private delle branche per migliorarne l’attività vegetativa.


    Dove tagliare

    Le parti dell’olivo da tagliare dipenderanno sempre dal tipo di potatura che si intende effettuare. Rami, pollini e branche da eliminare si trovano posizionati in determinare zone dell’albero che vanno individuate e opportunamente trattate con i dovuti tagli. I tagli di allevamento serviranno a eliminare l’eventuale crescita di rami improduttivi che si insinuano all’interno del ventre della branca. Da asportare anche i rami che si incrociano da un lato all’altro della chioma finendo per circondare l’asse del fusto. Questi rami, assieme ai polloni e succhioni, vanno tagliati partendo dalla base. Vanno tolti anche i rami troppo ravvicinati perché, tra un ramo e l’altro, la distanza deve essere di 50 cm. Se l’albero è esposto a zone particolarmente ventose è consigliabile tagliare le parti esposte controvento per evitare che la chioma si deformi diventando asimmetrica. Se l’albero di olivo è già adulto bisogna procedere a tagliare i rami laterali per concentrare l’emissione dei frutti nella parte centrale della chioma. Su alberi che hanno oltre due anni di età è meglio effettuare i tagli di ritorno sul legno del tronco piuttosto che accorciare i rami ancora giovani. Bisogna però fare attenzione a non recidere il collare, cioè il punto di unione tra il ramo e il tronco stesso, che rappresenta una naturale difesa dell’albero dagli agenti esterni. Se l’olivo vegeta e si riproduce normalmente e senza alterazioni, i tagli di ritorno si possono effettuare su alcune branche presenti sulla chioma. Prima di potare i rami sterili, come i polloni e succhioni, bisogna capire le cause del loro sviluppo che indica un’ attività vegetativa in eccesso con conseguente squilibrio produttivo.


    Come tagliare

    I tagli della potatura dell’olivo vanno effettuati in maniera netta, decisa e senza esitazioni. Tagli errati possono, infatti, indebolire l’albero compromettendone l’accrescimento e la fruttificazione o rendendolo suscettibile ad attacchi di parassiti o agenti infettivi. Il taglio corretto deve presentare una superficie regolare, liscia e inclinata, in modo da far scorrere l’acqua piovana ed evitare l’accumulo di umidità e la conseguente marcescenza del legno. Tagli asimmetrici ed irregolari, oltre a procurare e conseguenze che abbiamo appena indicato, causano anche una difficoltà di cicatrizzazione delle ferite che rendono l’albero esposto alla penetrazione di funghi, insetti parassiti e portatori di malattie. I tagli vanno effettuati tramite gli appositi attrezzi di potatura, tra cui spiccano le forbici, le cesoie, sia manuali che automatiche, la motosega, il coltello, la roncola e il segaccio. Le lame degli attrezzi devono essere ben affilate e vanno mantenute pulite e costantemente igienizzate al termine delle operazioni di taglio. Per disinfettarle basta usare un po’ di alcool. Le ferite più piccole provocate dai tagli non necessitano di particolari trattamenti, mentre per quelle più grandi è opportuno applicare dei prodotti a base di rame o sostanze cicatrizzanti e protettive in forma di composti cremosi. Le ferite più grosse, se lasciate senza protezioni, favoriscono, infatti, lo sviluppo di malattie parassitarie tipiche dell’olivo, come la rogna.


    Quando potare

    La potatura dell’olivo si effettua dopo il periodo invernale e precisamente tra marzo, cioè a inizio della primavera e maggio, la stagione della fioritura. Se la primavera si presenta particolarmente fredda o si corre il rischio di un eccessivo abbassamento delle temperature è meglio rinviare le operazioni a quando il clima sarà diventato più stabile e mite, perché il freddo impedisce alle ferite del legno di cicatrizzarsi. L’eventuale comparsa di rami improduttivi o secchi può essere trattata con tagli da effettuare in qualsiasi momento. In genere la potatura dell’olivo si esegue ogni anno, per piante giovani si può effettuare anche ogni due anni. In ogni caso, risulta sempre di fondamentale importanza quando di decide di effettuare la potatura della pianta, considerare l'andamento delle stagioni, della temperatura e del clima per evitare la debilitazione della pianta.


    Potatura straordinaria

    La potatura degli alberi da frutto si può effettuare anche con tagli periodici o da effettuare solo quando è necessario. Questi tagli costituiscono degli interventi straordinari. Nel caso dell’olivo, i tagli di eliminazione rappresentano, infatti,la potatura ordinaria, a cui seguono in maniera più limitata, quelli di ritorno. Tra i tagli ad eliminazione straordinaria ricordiamo la spollonatura ( eliminazione dei polloni dalla parte basale dell’albero) e la scacchiatura ( eliminazione dei germogli), mentre tra quelli di ritorno ricordiamo la cimatura, detta anche raccorciamento. Altri interventi di potatura straordinaria dell’olivo sono la capitozzatura in cui si tagliano le branche primarie per ridurre i costi della potatura di produzione e la stroncatura in cui si elimina completamente la parte aerea dell’albero per rigenerare l’intera pianta. Le formazioni vegetative (ricacci) che nasceranno dalla stroncatura non dovranno essere toccate per almeno due anni in modo da favorire il rafforzamento dell’albero.


    Potatura ornamentale

    La potatura dell’olivo, oltre ad avere principalmente finalità produttive, può servire a migliorare anche il portamento della pianta rendendola esteticamente più gradevole agli occhi di chi se ne prende cura e non solo. In tal caso la potatura avrà una finalità ornamentale e controllerà la produzione per non renderla eccessiva. I tagli serviranno anche ad eliminare i rami che deformano la struttura centrale della chioma o che deturpano la resa estetica dello spazio esterno, come può accadere con un albero di olivo coltivato in un giardino privato. Prima di procedere alla potatura dell’olivo coltivato in giardino si consiglia di verificare personalmente delle operazioni di potatura effettuate sulla stessa specie di albero che deve essere coltivato con le stesse condizioni climatiche e sulla stessa tipologia di terreno.


    La pianta mediterranea per eccellenza

    Piante di olivo L’olivo è da sempre considerata la pianta per eccellenza di tutta l’area mediterranea. Fin dall'antichità infatti accompagna la cultura e la vita dell’uomo attraverso i secoli e oggi inoltre, rappresenta un simbolo di pace importantissimo per tutte le popolazioni del mondo. Questa pianta ha permesso alla popolazione mediterranea di raggiungere il successo grazie alla produzione dell’olio di oliva, caratterizzato da un sapore forte e deciso. La sua qualità inoltre, gli ha permesso di arrivare su tutte le tavole, di accompagnare numerosi piatti e di essere apprezzato in tutta Europa e oltreoceano. L'olio di oliva rappresenta una vera a propria tradizionale culinaria per tutti gli abitanti dell'area mediterranea nonché un simbolo di orgoglio e di attaccamento alla propria terra e alle proprie origini che non deve per alcun motivo andare perso.


    Potatura olivo: La raccolta delle olive

    raccolta olive Come abbiamo detto in precedenza in questa pagina, la potatura è importante anche per rendere più facile la raccolta meccanizzata delle olive. Ma esistono numerosi metodi di raccolta, da quelli più antichi a quelli più moderni. Vediamoli insieme. I diversi metodi si possono dividere in due grandi categorie: la raccattatura e la brucatura a mano. Quest'ultimo è un metodo più tradizionale, utilizzato ormai sono a livello casalingo perchè avrebbe costi troppo elevati se impiegato a livello industriali. Questo metodo però permette di ottenere prodotti di qualità superiore perchè è possibile effettuare una cernita delle olive migliori e preservarne l'integrità. Per la raccolta su larga scala, ci riferiamo quindi alla raccattatura, vengono utilizzati quattro metodi: la caduta spontanea, la pettinatura, la scrollatura delle olive e l'abbacchiatura. Ognuno di essi presenta i suoi pregi e i suoi difetti ma, in linea generale, i più utilizzati sono la pettinatura e la scrollatura delle olive.


    Guarda il Video




    commenti

    Nome:

    E-mail:

    Commento:


    17:13:47 -
    Manuel Piffer - commento su Potatura olivo
    Il pollone non è affatto un ramo sterilwe, ma arrioverà a produrre anch£esseo su suoi rami secondari, crescendo, si ingentilirà sempre piu£. E£ solo questione di comodità la loro asportazione.
    12:21:05 -
    daniela - commento su Potatura olivo
    salve vorrei sapere se si possono rimuovere i rami di piante da frutto in giardino per darle una forma armoniosa bassa e rotonda.cordiali saluti.
    21:23:01 -
    bruno - commento su Potatura olivo
    mio nonno Giacomo, classe 1886, diceva:"non potare l£ulivo prima di S.Giuseppe (19 marzo). Le sue piante, infatti, non sono state mai danneggiate dal gelo. Mi fa piacere riscontrare questa simmetria nei consigli per la potatura di una pianta sempre bella, verde nonché produttrice del migliore olio al mondo. Grazie per l£ospitalità e buon lavoro.
    16:00:56 -
    francesco - commento su Potatura olivo
    Ciao, leggo per la prima volta i suggerimenti per quando e come potare la pianta dell'ulivo. A parte le osservazioni di qualche sapientone, sento dover dire bravo a chi lo ha stilato. E' stato molto chiaro ed effettivamente istruttivo per chi come me ha cercato suggerimenti per tale argomento. Grazie, cordiali saluti francesco.
    18:58:03 -
    franco - commento su Potatura olivo
    a gabicce ho un ulivo con una chioma molto grande quest£anno ha fatto tante olive che non abbiamo raccolto vorei farlo potare da chi se ne intende
    23:46:28 -
    Oscar Otranto - commento su Potatura olivo
    Ho letto "...la produzione italiana supera nettamente quella francese e spagnola"! Ammetto che la produzione francese è insignificante, ma la Spagna è il primo produttore mondiale, nonché il produttore di oli di uliva tra i più pregiati.
    07:42:11 -
    Ireneo - commento su Potatura olivo
    Vorrei sapere quando e il periodo giusto per togliere i polloni dell£ulivo. Grazie