Gazania - Gazania uniflora

Gazania

La gazania è una piccola pianta erbacea, dai fiori molto decorativi. E’ perenne, ma viene coltivata come annuale. Appartiene al genere “Gazania”, di cui fanno parte circa 40 specie differenti, e alla famiglia delle “Asteraceae”, che è il gruppo di piante a fiori più grande fra quelli esistenti in natura. Il nome “gazania” deriva da Teodoro Gaza, un noto umanista e traduttore bizantino, vissuto all’inizio del quindicesimo secolo, nato a Tessalonica e morto a San Giovanni a Piro. La gazania è originaria dell’Africa meridionale. In Italia è abbastanza diffusa ed è apprezzata per la bellezza e il colore dei fiori; si può coltivare sia in esterno che in vaso ed è utilizzata per creare bordure, tappeti colorati e anche come fiore reciso. Le gazanie hanno fusti carnosi, di un’altezza che varia dai 15 ai 30 cm; le foglie formano grandi rosette basali, sono lanceolate, lucide, di colore verde scuro sulla pagina superiore e grigio-argento sulla pagina inferiore; i fiori sono riuniti in un’infiorescenza a capolino e sono simili alle margherite; sono variamente colorati, possono essere gialli e arancioni con striature nere, rosso-marroni e di varie tonalità di rosa.
gazania

Gazania Marittima Piante di Gazania Marittima - Vaso 7x7 cm - 40 Piantine

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,59€


Ambiente ed esposizione

Le gazanie hanno bisogno di molto sole, quindi si consiglia di posizionarle in un luogo luminoso, possibilmente alla luce diretta del sole; è possibile anche porla in un luogo semi-ombreggiato, ma in questo caso la fioritura sarà più scarsa. La temperatura ideale per la buona crescita di questa pianta va dai 16 ai 22 gradi; sopporta abbastanza bene il caldo, resistendo anche a periodi di siccità, ma non tollera il freddo e le gelate, quindi la temperatura minima non dovrebbe mai scendere sotto gli 8-10 gradi.

LA GAZANIA IN BREVE
Famiglia, genere, specie Asteraceae, gazania, circa 19 specie, molti ibridi
Tipo di pianta Perenne erbacea, coltivata spesso come annuale
Altezza a maturità Da 15 a 30 cm
Coltivazione Semplice
Manutenzione bassa
Crescita Mediamente veloce
Temperatura minima 0°C
Esposizione sole
Terreno Calcareo, sabbioso o sassoso, povero
pH del suolo Da neutro ad alcalino
Necessità idrica Bassa
Umidità del suolo Ben drenato
Propagazione Seme, divisione, talea
Densità (per un’aiuola) 20 piantine a m2
Utilizzi Bordura, aiuola, giardino roccioso, vaso, balconette


  • L’agerato predilige un’esposizione in pieno sole; bisogna collocarlo in una zona dove possa ricevere la luce diretta del sole per tutta la giornata, o almeno per alcune ore, ciò garantirà un’abbondant...
  • bidens Il bidens è una graziosa pianta erbacea; è perenne, ma viene coltivata come annuale. Appartiene al genere Bidens, che comprende circa 200 specie, e alla famiglia delle Asteraceae, che è la famiglia di...
  • tagete Il tagete, detta anche garofano indiano, è una pianta fiorita erbacea. Appartiene al genere Tagetes, che comprende circa 50 specie di piante erbacee perenni e annuali, e alla famiglia delle Asteraceae...
  • zinnia La zinnia è una pianta erbacea, annuale o perenne, coltivata a scopo ornamentale. Appartiene al genere Zinnia, che comprende circa 20 specie, e alla famiglia delle Asteraceae, che con le sue 20.000 sp...

Mutisia Ilicifolia Seeds

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,11€
(Risparmi 3,48€)


Terreno

Le gazanie si adattano bene a qualsiasi tipo di terreno; per una crescita ottimale si consiglia, però, di utilizzare un terreno soffice e soprattutto ben drenato, formato da un insieme di terra, torba e sabbia; è possibile anche aggiungere dei ciottoli per migliorare il drenaggio dell’acqua.


Clima e cure invernali

Come abbiamo detto le gazanie sono coltivate nel nostro paese prevalentemente come annuali, vista la loro scarsa resistenza al gelo : negli ambienti di origine vengono invece trattate da perenni capaci di tornare a fiorire anno dopo anno.

In realtà la temperatura minima che riescono a sopportare è intorno gli 0°C, anche prolungati per qualche giorno.

Di conseguenza, nel Centro-Sud, e in particolare nelle aree costiere, è possibile considerarle perenni erbacee a tutti gli effetti e inserirle anche definitivamente nelle aiuole o nei giardini rocciosi.

In queste condizioni climatiche è pensabile addirittura evitare di coprirle: si può semplicemente ricorrere ad una buona pacciamatura a base di sfasci, spessa almeno 10 cm. Le piante in vaso (o comunque quelle che crescono in piena terra in climi leggermente più rigidi) vanno spostate in serra fredda e/o coperte con uno strato di tessuto apposito. Chiaramente la posizione invernale ideale deve essere ben soleggiata e riparata magari da un muro esposto a Sud.

Durante la stagione fredda è bene interrompere quasi del tutto le irrigazioni per evitare l’insorgere di marciumi radicali. Interveniamo solo nel caso il pane di terra appaia totalmente secco, ma con somministrazioni davvero minime.


Messa a dimora e rinvaso

bellissime gazanie fiorite La messa a dimora delle gazanie va effettuata in primavera, o comunque quando la temperatura notturna è superiore ai 10 gradi. Si estrae delicatamente la pianta dal suo contenitore e si puliscono le radici dalla terra in eccesso; si scava una buca profonda circa il doppio della lunghezza delle radici e vi si sistema la pianta, poi si ricopre con la terra, si comprime e infine si annaffia abbondantemente. Il rinvaso va eseguito in primavera, ponendo la pianta in un vaso leggermente più grande del precedente, con terra, torba e sabbia; si sconsiglia di usare vasi troppo grandi in quanto ciò favorirebbe un maggiore sviluppo delle radici, a discapito dei fiori e delle foglie.


Ibridi orticoli

Le specie recensite nei manuali sono per lo più originarie degli stati meridionali dell’Africa, con l’eccezione di una sottospecie, che proviene invece dalla Tasmania. Gli habitat di partenza sono tuttavia dei più vari: dalle dune sabbiose costiere fino ai più elevati prati montani.

Per la gazania rigens la caratteristica peculiare è la grandezza dei fiori, mentre la krebsiana si distingue per la crescita contenuta (al massimo 15 cm di altezza), la fioritura più precoce e continua e ligule, arancioni con cerchio centrale nero. A livello orticolo, soprattutto nel nostro paese, in commercio si trovano praticamente solo degli ibridi ottenuti incrociando più volte le varie specie. Si è cercato di ottenere in particolare una più ampia gamma di colori e dimensioni. Oggetto di attenzione sono stati però anche il diametro dei fiori, la precocità nella loro produzione e la capacità di fiorire anche con esposizione a mezz’ombra.

Questi ibridi sono stati creati in serie con peculiarità simili, ma differenti colorazioni delle ligule.

Ecco le più comuni in commercio, derivanti da incroci con la gazania rigens

- Day break F1: melange di arancio, giallo, rosso, tigrato. Altezza fino a 20 cm, diametro corolla fino a 10

- Kiss F1 miscuglio di colori: bianco, giallo acceso, giallo fiammato di arancio, arancio, arancio fiammato di rosso, bronzo, rosa, vari tipi di rosso. Alti circa 15 cm e con corolle piccole, fino a 8 cm di diametro

- Gazoo un miscuglio di colori delicati: crema, giallo chiaro, giallo con anello centrale, arancio con anello, arancio chiaro, rosso con anello. Alta fino a 20 cm e con corolle da 12 cm di diametro

- Chansonette: mix di colori dal crema al giallo all’arancio. Altezza di circa 14 cm

- Ministar: arancio con punte gialle e giallo vivo. Fiori di circa 8 cm di diametro, altezza 10 cm

- Talent: arancio, rosa, rosso bianco, circa 12 cm di altezza


Annaffiature

Le gazanie vanno annaffiate regolarmente durante i mesi caldi, anche se riescono a resistere a brevi periodi di siccità; si consiglia di annaffiare con acqua a temperatura ambiente e di aspettare che la terra si asciughi fra un’annaffiature ed un’altra. In inverno le irrigazioni vanno diminuite.


Concimazione

La gazania ha bisogno di un’abbondante concimazione; si consiglia di utilizzare un fertilizzante per piante da fiore, che va diluito nell’acqua delle annaffiature; il trattamento va eseguito da marzo ad ottobre e va ripetuto ogni 20 giorni.

Le gazanie sono piante avide di nutrimento, specialmente se le vogliamo fiorite per un lungo periodo e se vivono in un suolo molto drenante, con una buona quantità di sabbia , ciottoli e ghiaia.

In piena terra possiamo approntare una concimazione di base con un prodotto granulare a lenta cessione, inglobato tramite zappettatura. Nei mesi centrali dell’estate può però essere utile intervenire distribuendo ogni 15 giorni una formulazione liquida per piante fiorite, non eccessivamente diluita.

Le piante in vaso possono essere controllate e stimolate meglio. L’ideale è adoperare un concime liquido in cui siano prevalenti il fosforo e il potassio. Possiamo scegliere se effettuare somministrazioni quindicinali, alle diluizioni consigliate dal produttore, o aggiungere regolarmente un po’ di composto all’acqua di irrigazione, simulando in questa maniera la fertirrigazione, molto efficace nel garantire un costante apporto di nutrienti.

Quando concimiamo utilizziamo il sottovaso, attendendo che la pianta abbia assorbito tutta l’acqua (non troppa!). In seguito eliminiamolo (per non incorrere in marciumi).


Riproduzione

fiori di gazania La riproduzione delle gazanie avviene per seme, a fine inverno; i semi vanno posti in un contenitore con terra e sabbia, ricoperto con un telo di plastica, e vanno tenuti al caldo e al riparo dalla luce; quando i semi saranno germogliati si aumenterà gradualmente la luce e ,quando le piantine saranno diventate robuste, potranno essere trasferite in vasi di circa 8cm; successivamente le nuove piante potranno essere messe a dimora. La moltiplicazione delle gazanie può avvenire anche per talea, a fine estate; le talee ottenute dalla pianta vanno poste a radicare in un contenitore con terra e sabbia, in un ambiente umido; quando le nuove piantine saranno germogliate, potranno essere trasferite nei loro vasi definitivi.


Propagazione tramite talea

Si esegue alla fine dell’estate: si prelevano dei segmenti apicali di almeno 10 cm di lunghezza, eliminando i fiori o i boccioli alla cima. La base dello stelo andrà spolverata con un apposito ormone radicante (in commercio se ne trovano anche di liquidi da mescolare all’acqua di irrigazione, altrettanto efficaci).

Inseriamo molti di questi segmenti un cassette riempite con una composta leggera e drenante, a base di terriccio e sabbia (o ancora meglio perlite) nella misura di metà e metà.

Copriamo con della plastica trasparente e poniamo in una zona calda, ma ombreggiata. Vaporizziamo con acqua quando il substrato risulti secco.

La radicazione è piuttosto veloce, visto che le piantine possono essere trapiantate in vasetti singoli già verso ottobre. A quel punto andranno ritirate in una serra non riscaldata, ma dove la temperatura non scenda mai sotto i 10°C.


Potatura

fiori di gazania Le gazanie non hanno bisogno di un’eccessiva potatura; è sufficiente eliminare le foglie e i fiori secchi e le parti danneggiate. Si consiglia di effettuare la potatura con forbici o coltelli affilati e puliti in modo da non creare danni alla pianta ed evitare infezioni.


Fioritura

La gazania fiorisce dal mese di giugno, fino alla fine dell’estate. I fiori sono molto simili a margherite; sono riuniti in un’infiorescenza a capolino e sono di differenti colori, gialli, arancioni con striature nere, rosso-marroni e di varie tonalità di rosa. La fioritura in condizioni ottimali è molto abbondante; questa pianta è apprezzata anche per la produzione di fiori recisi.


Raccolta dei semi

La raccolta dei semi si può effettuare da agosto in avanti. Lasciamo che qualche fiore appassisca sulla pianta e aspettiamo che le ligule e la base dello stelo secchino. Quando il tutto diventerà color bruno chiaro, tagliamo alla base e lasciamo asciugare all’ombra per ancora qualche giorno. Infine poniamo il capolino in un sacchetto di carta e agitiamo con forza. Fuoriusciranno tutti i semi, dotati di una piccola lanugine sulla cima. Conserviamoli in un locale fresco e asciutto, chiusi in bustine di carta o in barattoli ermetici.


Malattie e parassiti

gazania fiorita Le gazanie possono essere attaccate dagli afidi che danneggiano i fiori e le foglie; in questo caso bisogna lavare la pianta con una spugna, per eliminare manualmente il parassita, oppure utilizzare un antiparassitario specifico. Un’eccessiva umidità può favorire la comparsa di malattie fungine che vanno combattute con fungicidi specifici.


Vendita

Prima di comprare una gazania si consiglia di verificarne lo stato di salute; bisogna controllare che non ci siano parassiti e malattie, che la pianta sia stata sufficientemente annaffiata e che non presenti parti secche e danneggiate. Vanno acquistate le piante più rigogliose, in ottimo stato e con una fioritura abbondante.


Specie

Tra le circa 40 specie di gazania abbiamo: Gazania pavonia, che ha foglie lanuginose e fiori di colore giallo-arancione, con macchie bianche e nere; Gazania ringens, che ha foglie vende scuro e fiori arancioni; Gazania splendes, che ha foglie verde scuro sulla pagina superiore e bianco-grigio su quella inferiore e fiori di colore arancione, con la base bianca e nera.


Curiosità

Una particolarità della gazania è che i fiori si chiudono nelle giornate nuvolose e durante la notte, mentre le foglie talvolta si sollevano verso l’alto; i fiori si apriranno di giorno e con il sole.



  • gazania Al genere gazania uniflora appartengono alcune specie erbacee perenni originarie dell'Africa meridionale; nei nostri gia
    visita : gazania

commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


11:39:37 -
Katia - commento su Gazania
Vorrei sapere gentilmente se il fiore della gazania quando non si apre più e da tagliare !!!!!! Grazie