potatura gelsomino

vedi anche: Gelsomino

Potatura gelsomino

Il gelsomino è uno dei più bei rampicanti esistenti in natura. La sua forma ed il suo portamento dipoendono spesso da corretti e abili interventi di potatura. Questa pianta, infatti, necessita di alcuni tagli di potatura in alcuni particolari momenti della sua vita. Questi interventi ne miglioreranno la forma ed i ritmi di crescita e la manterranno in salute anche quando sarà più matura. Gli interventi di potatura possono variare in base alla varietà coltivata. Il gelsomino, infatti, conta più di 250 specie, con caratteristiche, forme e ritmi di crescita totalmente differenti. Un’abile potatura del gelsomino consente di ottenere una pianta rampicante dal portamento sinuoso ed elegante e dalle stupende fioriture.
potaregelsomino1


Caratteristiche

potaregelsomino2 Prima di capire le tecniche di potatura del gelsomino occorre conoscere bene le caratteristiche di questa pianta. Il gelsomino, dunque, è una pianta sempreverde, a portamento arbustivo, o rampicante, originaria delle zone tropicali di diversi continenti, ovvero Asia, Americhe e Sud Europa. La pianta può assumere portamento cespuglioso, ma il più delle volte è rampicante e viene usata per ricoprire muri, graticci e pergolati. Il gelsomino, come detto al paragrafo precedente, conta tantissime varietà, tutte appartenenti alla famiglia delle olaceae. Quella maggiormente conosciuta e coltivata è il gelsomino comune a fiori bianchi, botanicamente conosciuto come jasminum officinalis. In natura esistono anche altre stupende varietà di gelsomino, tra cui jasminum nudiflorum, primulinum e grandiflorum, rispettivamente con fiori gialli e lievemente rosati. Il gelsomino ha foglie caduche e può raggiungere altezze superiori ai tre metri. In questa pianta, la potatura ha non solo un effetto estetico ed ornamentale, ma anche di miglioramento delle condizioni della pianta nella fase successiva alla crescita. Proprio dalla fase di crescita del gelsomino si distinguono una potatura di allevamento o formazione e di mantenimento o ringiovanimento.


    Come potare

    La potatura del gelsomino comprende diverse fasi( lo abbiamo già detto nei precedenti paragrafi) che accompagnano tutta la crescita della pianta. Nei primi tre anni il gelsomino va potato accorciando, di due terzi, i rami alla base. L’operazione favorisce la comparsa di nuovi getti laterali, determinando la forma e il portamento della pianta adulta. Il taglio di formazione serve anche a infoltire la parte bassa della pianta, evitando che si creino delle zone prive di rami. Nei due o tre anni successivi, i rami basali vanno tagliati sempre a circa due terzi della loro altezza. Dopo il terzo anno, la pianta adulta potrà essere liberata delle parti secche o danneggiate o subire un taglio dei rami. Questo intervento configura la cosiddetta potatura di ringiovanimento. La scelta tra l’eliminazione dei rami danneggiati e i tagli ai rami produttivi dipenderà dal tipo di pianta coltivata. In alcune specie di gelsomino bisogna solo eliminare i rami secchi o danneggiati, mentre in altre si può prevedere l’accorciamento dei rami basali, ad altezze diverse in base alla specie coltivata. Il gelsomino comune non deve subire il raccorciamento dei rami basali, ma solo la loro diradazione, cioè i rami vanno tagliati alla base. Nelle varietà nudiflorum e primulinum, i rami vanno accorciati di due terzi; nelle specie perenni, che si comportano come annuali, i rami vanno tagliati a pochi centimetri dalla base; in tutte le altre specie di gelsomino, la potatura di ringiovanimento consiste solo nell’eliminare i rami secchi o appassiti.


    Quando potare

    La potatura di formazione del gelsomino va effettuata in primavera. Lo stesso vale anche per quella di ringiovanimento, anche se in questo caso la periodicità dell’intervento potrà variare lievemente in base alla specie coltivata. Esistono, infatti, specie che fioriscono sui rami dell’anno precedente e altre che fioriscono su quelli dell’anno. Nel primi caso, la potatura dovrà essere eseguita almeno due settimane prima della fioritura, nel secondo, a fine inverno, cioè nel periodo che coincide con l’inizio della stagione vegetativa.


    potatura gelsomino: Attrezzi da usare

    Per potare il gelsomino si usano delle normali cesoie per potatura con lame nuove e ben affilate. L’operazione si deve eseguire indossando dei guanti sterili. Per un corretto intervento, gli attrezzi devono essere puliti e disinfettati sia prima che dopo l’uso. I tagli devono essere netti e precisi e senza sfilacciature. Queste si evitano avendo una mano ferma e attrezzi con lame nuove o perfettamente affilate. Le sfilacciature o i tagli imprecisi possono provocare, nella pianta, ferite difficili da rimarginare. Queste possono anche essere veicolo di infezioni parassitarie, fungine, virali o batteriche. Una potatura corretta e decisa servirà, invece, ad ottenere una pianta sana, resistente, rigogliosa e con delle stupende fioriture. In caso di difficoltà nella potatura si può chiedere l’intervento di operatori specializzati. Questi ultimi possono rivelarsi necessari quando si devono potare delle ampie siepi formate anche dal gelsomino.


    Guarda il Video
    • gelsomino giallo

      gelsomino giallo Siamo abituati a pensare al gelsomino come ad un rampicante con i fiori candidi, profumati; in realtà al genere jasminum
      visita : gelsomino giallo
    • potatura gelso

      potatura gelso Tra le varie occupazioni che rientrano sotto il nome di fai da te, una è quella del giardinaggio, un' attività che richi
      visita : potatura gelso

    commenti

    Nome:

    E-mail:

    Commento:


    06:49:13 -
    - commento su potatura gelsomino
    Le foglie del mio gelsomino hanno delle macchie bianche e dono ms mangiucchiate. Coda fare Le foglie del mio gelsomino sono macchiate di bianco e mangiucchiate? Cosa fare? Può restare esposto a pioggia e freddo?
    08:36:10 -
    Francesco - commento su potatura gelsomino
    Salve, ho due gelsomini recentemente trapiantati in una grande fioriera (prima erano interrati in due piccoli vasi). Ebbene, uno va splendidamente be, mentre l£altro pare aver sofferto il cambiamento (i rami hanno cominciato a seccare, le foglie si sono ammosciate, ecc.), insomma la pianta ha perso la brillantezze che aveva ... Posso fare qualcosa per aiutarla a riprendersi?