Propagazione rose

Da Rosa nasce Rosa

Le rose, fiori per eccellenza, regine indiscusse di parchi, prati, giardini, bella, profumate e non difficilissime da coltivare, con i loro fiori decorano e colorano i giardini delle nostre case donando loro una sorta di bellezza, delicatezza ed eleganza. Esistono più di centocinquanta specie di rose e circa trenta crescono in modo spontaneo nel nostro paese, poi ci sono i vari ibridi e le varietà di tutti i colori creati dall’uomo attraverso vari incroci.

La riproduzione delle rose può avvenire in modo naturale, cioè tramite la fecondazione del pistillo da parte del polline, è un tipo di moltiplicazione sessuale in quanto avviene attraverso il seme. Nel caso si volessero avere rose botaniche o per portainnesto bisognerebbe servirsi di semi raccolti verso la fine del periodo autunnale, pulirli e inserirli in un contenitore con del terriccio di tipo leggero, coprirli con sabbia e posizionarli in una zona fredda ma non ventosa. E’ possibile anche incrociare specie di rose uguali o diverse per ottenere degli ibridi.

Abbiamo poi altri metodi di propagazione che non avvengono per seme ma tramite l’impiego di parti della pianta, si tratta della riproduzione agamica che può avvenire per talea, per propaggine, per micropropagazione e per innesto.

rosa gialla


Propagazione per talea

Questo sistema era già conosciuto fin dai tempi antichi ed anche attualmente è molto usato, esso permette di ottenere nuove piante uguali a quella madre; a seconda del periodo di prelievo delle talee si può parlare di talea di legno duro, talea di legno giovane oppure talea apicale.

La talea di legno duro viene prelevata alla fine del periodo autunnale e deve avere una lunghezza di venti-trenta centimetri, deve essere privata delle foglie ed interrata per i 2/3 della lunghezza. Se applichiamo questa tecnica dovremo fare attenzione che la talea prelevata abbia almeno due gemme, in quanto una dovrà stare sopra il terriccio e una appena a filo.

Per procedere con la seconda tecnica, la talea andrà prelevata durante il periodo estivo, liberata delle foglie poste più in basso e inserita in un terriccio umido e molto ben drenato. Si potrà inserire la talea in una polvere che ne favorisca lo sviluppo delle radici.

Per la talea apicale, come dice il nome stesso, vanno prelevati gli apici dei germogli pari ad una lunghezza di circa dieci centimetri ed eliminate le foglie poste nella parte più bassa; anche per questa moltiplicazione ci si potrà aiutare con un prodotto che affretti la comparsa di radici.


  • Malattie della rosa

    rosa malata La rosa è una delle piante maggiormente colpite da malattie più o meno gravi. In questo articolo vi parleremo delle più frequenti causate da funghi, parassiti, virus o comportamenti di manutenzione ...
  • Potatura Rose

    come potare una rosa La potatura è un’operazione molto importante per avere rose sane, belle e rigogliose; di rose ce ne sono di tanti tipi e portamenti e ognuna di loro necessita di una potatura precisa e specifica. Anch...
  • Rose rampicanti

    rose rampicanti Le rose rampicanti sono piante arbustive perenni originarie delle zone dell’emisfero boreale che producono bellissimi fiori e proprio per questo vengono perlopiù coltivate a scopo ornamentale sia in v...
  • Parassiti delle rose

    afidi La rosa padroneggia nella maggior parte dei nostri giardini e terrazzi; i colori dei suoi fiori ci comunicano una sorta di poesia ed eleganza. Fiore per eccellenza, non è molto difficile da coltivare,...


Propagazione per propaggine

Questa tecnica non è molto usata in quanto non può essere applicata su tutti i tipi di rosa; essa consiste nel scegliere un ramo, piegarlo fino a terra e successivamente coprirlo con della terra fresca e leggera. Quando il ramo avrà radicato, in genere vero la fine del periodo autunnale-invernale, lo si potrà staccare dalla pianta madre e trapiantalo. Di solito questo tipo di moltiplicazione si utilizza nel caso non se ne possano applicare altre.


Micropropagazione

Questa tecnica è molto usata ultimamente e permette di ottenere nuove piantine uguali alla pianta madre; essa consiste nel prelevare parti di tessuto dagli apici vegetativi che poi verranno fatti sviluppare in un ambiente non naturale, ad esempio in vetro. Queste parti prelevate dovranno essere pulite e prive di virus e per far sì che questo avvenga si sottoporranno ad un trattamento particolare che permetta alle piantine di crescere ed uccida eventuali virus o batteri. Le nuove piantine saranno pronte nel momento in cui avranno radicato e si saranno adattate al clima naturale.


Propagazione rose: Propagazione per innesto

Alcune specie di piante, soprattutto quelle legnose, non possono essere riprodotte per talea perché molto raramente emettono radici oppure perché sono molto lente nel loro sviluppo, in questi casi si dovrà ricorrere alla tecnica dell’innesto.

Innestare significa inserire in una pianta selvatica che produce fiori o frutti scarsi, una gemma o un ramo di uguale o diversa specie al fine di migliorarne la qualità e l’aspetto. Riguardo alla rosa il metodo d’innesto applicato è quello a gemma o a scudetto; viene utilizzato soprattutto sulle piante giovani che hanno una corteccia resistente ma sottile. Essa consiste nel praticare sulla rosa portinnesto un’incisione a forma di T lunga circa due-quattro centimetri in un punto dove la corteccia è sana e liscia, con la lama che abbiamo usato per incidere, stacchiamo i due lembi di corteccia e preleviamo la gemma della rosa che vogliamo riprodurre e la introduciamo nell’incisione fatta precedentemente; a questo punto leghiamo ben stretto il ramo in modo da avvolgere tutta la parte incisa. Se questa operazione sarà stata fatta in modo esatto, dopo circa dieci-dodici giorni la gemma sarà già ben attaccata a portainnesto.

A seconda del periodo in cui viene eseguito l’innesto, si può parlare di gemma vegetante o gemma dormiente: nel primo caso l’operazione sarà avvenuta nel periodo invernale, mentre nel secondo dalla fine di luglio alla metà di settembre.


Guarda il Video

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: