Coltivazione melanzane

Caratteristiche e varietà di melanzane

La melanzana (Solanum melogena) fa parte della famiglia botanica delle Solanaceae, ha origini indiane ed è stata introdotta in Europa dagli Arabi. È una pianta erbacea alta tra i 30 cm ed il metro. I suoi grandi fiori sono bianchi oppure violetti ed i frutti, bacche allungate o tondeggianti, sono neri con riflessi violacei. Le melanzane si consumano sempre cotte e prevedono numerose ricette. La pianta comprende diverse varietà. Tra di esse abbiamo la Violetta lunga di Palermo, allungata e di colore viola scuro; la Violetta lunga delle cascine, di colore violetto; la Melanzana di Murcia, rotonda, violetta e con foglie spinose; la Mostruosa di New York, caratterizzata da dimensioni molto grandi; la Violetta nana precoce, dai frutti piccoli; la Tonda comune fiorentina, di colore viola chiaro.
Tipiche melanzane scure

Orto per la conserva - Kit orto completo di coltivazione ortaggi - kit di semina per gli ortaggi da conserva

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,49€


Coltivazione melanzane: clima e lavorazione del terreno

Pianta di melanzana Il clima adatto alla coltivazione delle melanzane è quello molto caldo e con temperatura notturna di almeno 12°C, al di sotto della quale la pianta potrebbe smettere di crescere e addirittura morire. Per queste sue esigenze questo ortaggio è coltivato soprattutto nell'Italia Centrale e Meridionale. Il terreno deve essere sciolto e a medio impasto, drenante e privo di erbe infestanti. Deve essere ben lavorato e sottoposto a vangatura e concimazione molto prima dell'impianto della melanzana. Tali operazioni si eseguono di solito nell'autunno precedente. Nella coltivazione in orto la lavorazione del terreno può essere eseguita con la vanga ed eventualmente anche col piccone, se è molto compatto. Nel corso della vangatura si provvede alla fertilizzazione con sostanze organiche. Occorre tracciare un solco alla volta distribuendo a spaglio del letame maturo, con l'uso della forca. Con la terra mossa tracciando il solco successivo si dovrà coprire il precedente e così via.

  • Melanzana La melanzana è una pianta erbacea annuale originaria dell’India ma ormai coltivata in tutta Europa; in Italia i maggior produttori di questo ortaggio sono la Campania, La Puglia, la Sicilia e la Calab...
  • La melanzana è un ortaggio molto diffuso in Italia e presente ormai sulle tavole di tutti in quanto è possibile utilizzarla in molte ricette; inoltre, è sempre più presente negli orti in tutte le regi...
  • foto solanum wendlandii Il solanum è un genere molto ampio che comprende più di un migliaio di piante. Queste sono in generale piante non molto rustiche che hanno bisogno, di norma, di una clima mite oltre ad un'esposizione ...
  • cumino Il cumino dei prati, che viene anche chiamato con il nome di carvi o cumino tedesco, fa parte della famiglia delle Ombrellifere, al genere Carum ed alla specie carvi.Si tratta di una pianta erbacea ...

Easy kit Orto per le Conserve - starter kit di semina per coltivare gli ortaggi da conserva - istruzioni online in tempo reale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,49€


Semina e messa a dimora delle pianta di melanzane

Differenti varietà di melanzane La semina della melanzana si effettua in semenzaio, riparato e riscaldato, nel periodo di gennaio-febbraio, nelle regioni più calde, e a marzo in quelle più fredde. La temperatura ottimale è attorno ai 15-17°C. Prima di interrare i semi è consigliabile tenerli in un panno umido per 6-7 giorni. In alternativa alla semina, è possibile acquistare in vivaio delle piantine già pronte, mettendole a dimora con cura perché sono assai delicate. esse vanno poste in file e con una distanza tra loro di circa mezzo metro. Occorre creare, con la zappa, dei solchi nel terreno e ricoprire, dopo averle impiantate, senza compattare troppo. Quindi si inserisce un tutore in legno o in ferro, in modo da sostenere la pianta nel momento in cui inizierà a produrre i frutti. Dopo 4-5 settimane dalla messa a dimora, la coltivazione delle melanzane prevede una potatura manuale, asportando foglie e rami secchi.


Tecniche di coltivazione della melanzana

Melanzana viola di tipo segmentato Inizialmente le irrigazioni devono essere frequenti, 2-3 volte a settimana, eseguite nelle ore meno calde del giorno ed evitando di bagnare la vegetazione, per non favorire eventuali attacchi di parassiti. In seguito sarà sufficiente innaffiare la pianta soltanto quando il terreno appare asciutto. A parte la concimazione preventiva eseguita al momento della messa a dimora, la coltivazione della melanzana non necessita di altri interventi nel corso del ciclo di produzione. Per arieggiare le radici ed eliminare le infestanti devono essere eseguiti dei regolari interventi di sarchiatura, smuovendo il terreno senza danneggiare l'apparato radicale. All'inizio della crescita della pianta è utile la rincalzatura. La pacciamatura, con paglia, foglie o fieno, limita lo sviluppo delle erbacce, mantiene il terreno umido e protegge le radici dal freddo e dal caldo eccessivo.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO