Spinacio - Spinacia oleracea

Lo Spinacio

Lo spinacio è una pianta erbacea originaria dall’Asia sud-occidentale e introdotta in Europa intorno all’anno 1000; in Italia si coltivano gli spinaci un po’ in tutte le regioni ma, in particolar modo, in Toscana, Lazio, Campania, Piemonte e Veneto; le varietà più coltivate nel nostro paese sono: il Riccio di Castelnuovo, il Riccio d’Asti il Gigante d'Inverno, Dixie Market, Viking, Loreley, Carambole F1, Matador. Questo tipo di ortaggio si può consumare crudo e cotto; buona parte degli spinaci prodotti vengono destinati alle industrie per produrre surgelati.

La pianta dello spinacio presenta radici a fittone di colore rosso situate in prossimità del colletto. Le foglie sono di consistenza carnosa e si riuniscono a rosetta, presentano un picciolo abbastanza lungo e possono essere lisce oppure bollose. I fiori dello spinacio sono di colore più o meno verde, quelli maschili e quelli femminili sono posti su piante diverse e, questi ultimi sviluppano un achenio, il frutto che si presenta secco e non si apre spontaneamente. La pianta dello spinacio è molto ricca di sali minerali, vitamine e proteine.

Spinaci

Spinacio Tetragonia Della Nuova Zelanda

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,07€
(Risparmi 0,03€)


Ambiente ed esposizione

Lo spinacio, a seconda delle fasi di sviluppo, necessita di diverse caratteristiche ambientali. Durante la fase d’impianto, lo spinacio preferisce un clima di tipo temperato e moderatamente fresco, in quella di rosetta invece può sopportare anche temperature inferiori allo zero; è opportuno non esporre mai lo spinacio alla luce solare diretta e ad alte temperature, lo sviluppo dei fiori sarà precoce e non avremo la produzione di foglie.

  • cyclamen coum 15090 Il cliclamino, nome botanico Cyclamen, è una bella pianta bulbosa perenne che racchiude numerose specie che traggono origine dalle zone del Mediterraneo orientale; in alcune parti dell’Italia cresce e...
  • Esemplare comune di Limaccia Le limacce (o lumache) sono degli invertebrati dotati di polmoni. Hanno un corpo molliccio ricoperto di muco e possiedono un piede carnoso molto sviluppato che consente loro di spostarsi. La bava prod...

110 SEMI DEI 9 GIGANTI DELL'ORTO: 10 SEMI di ZUCCA GIGANTE ATLANTIC GIANT + 10 SEMI di ANGURIA GIGANTE CHARLESTON GRAY + 10 SEMI di POMODORO GIGANTE ITALIANO + 10 SEMI di PEPERONCINO LONG CAYENNA ROSSO + 10 SEMI di BASILICO GIGANTE + 10 SEMI di CAROTA GIGANTE + 10 SEMI PEPERONCINO DA RIPIENO GIGANTE CHERRY BOMB + 20 SEMI RAVANELLO ROSSO GIGANTE + 20 SEMI SPINACIO GIGANTE D'INVERNO + PICCOLA GUIDA ALLA COLTIVAZIONE DI OGNI SINGOLA VARIETÀ

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€
(Risparmi 0,09€)


Terreno

Il terreno più adatto alla coltivazione dello spinacio è fresco, acido, può essere ricco di sale e molto ben drenato. Prima dell’operazione di semina va ben lavorato.


Semina

La semina dello spinacio può essere fatta a spaglio oppure a file. A seconda della coltivazione semineremo in periodi diversi: per coltivazioni autunno-invernali effettueremo l’operazione verso la fine della stagione estiva e quella autunnale, mentre per quelle primaverili-estive durante la stagione primaverile. Un’altra distinzione della semina l’avremo in base al consumo dello spinacio: in caso di utilizzo crudo, semineremo a spaglio o a file nel numero di quattrocento-mille piantine per metro quadrato, mentre per l’utilizzo cotto, si dovrà mantenere una distanza di circa trenta centimetri tra le piantine e il numero sarà di massimo cinquanta per metro quadrato. La temperatura ideale per lo sviluppo delle piantine è di quindici grandi, in questo caso spunteranno entro circa dieci-quindici giorni.


Annaffiature

Come detto in precedenza, lo spinacio non teme molto il freddo, ma non sopporta la siccità; sarà quindi opportuno effettuare frequenti irrigazioni soprattutto durante la stagione primaverile e quella estiva e comunque durante i periodi siccitosi e secchi.


Concimazione

Lo spinacio necessita di concimazioni moderatamente ricche di azoto, fosforo e potassio; molto utile sarà l’utilizzare il residuo di concimazioni precedenti.


Raccolta e conservazione

La raccolta dello spinacio viene fatta in modo scalare utilizzando delle forbici e tagliando le foglie che abbiano raggiunto la massima grandezza oppure tagliando la pianta completa sotto le foglie; questo vale per la destinazione ad un consumo cotto. Per un consumo crudo, la raccolta viene fatta tagliando le foglie che abbiano raggiungo un’altezza di circa sette centimetri. Le foglie appena raccolte vanno consumate fresche entro tre giorni, nel frattempo si possono conservare in frigo; bollite e poi surgelate si conservano per mesi.


Fiori

I fiori dello spinacio sono di piccole dimensioni e di colore verde; quelli femminili si riuniscono in gruppi ascellari, mentre quelli maschili formano delle spighe. Quelli femminili danno origine ai frutti, gli acheni.


Malattie e parassiti

Lo spinacio si presenta come una pianta abbastanza forte e non frequentemente attaccata da malattie e parassiti. Può essere però soggetta a vari marciumi radicali provocati da Pythium ultimum, Rhizoctonia solani oppure peronospora farinosa. Alcune malattie molto pericolose che attaccano questa pianta soprattutto durante la stagione calda, sono la fusariosi e l’antracnosi. Ci sono poi alcune malattie come il virus del giallume della bietola, il virus del cetriolo e il virus del mosaico. Tra i parassiti animali che possono provocare danni molto gravi, ricordiamo gli afidi, le lumache e le nottue.


Varietà

In vendita possiamo trovare molte varietà di spinacio, tra le principali possiamo ricordare:

Cherokee: spinacio con foglia di colore verde piuttosto scuro con bollisità superficiali.

Matador: lo sviluppo di questa varietà è molto rapido, le foglie sono di grandi dimensioni e di colore verde scuro, con bollosità moderate.

Lorelay: è una varietà che possiede foglie lisce.


Curiosità

Gli spinaci contengono molta acqua, ma anche vitamine, rame, potassio, calcio, zinco. Grazie a questi suoi contenuti, può essere molto utile come tonificante e rimineralizzante. Contengono anche ferro ma, contrariamente a ciò che si pensa, non in grande quantità.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO