Coriandolo

Caratteristiche

Il coriandolo è una pianta che fa parte della famiglia delle Ombrellifere, in particolar modo al genere Coriandrum ed alla specie sativum.

Si tratta di una pianta erbacea annuale, che può raggiungere anche i 50-60 cm di altezza e 20 cm di larghezza, che presenta un portamento eretto, con dei fusti estremamente lisci e dalla tipica colorazione verde, ramificati alle sommità.

Le radici della pianta di coriandolo sono fittonanti, e si sviluppano poco ai lati ed hanno un caratteristico colore marroncino.

Le foglie del coriandolo sono verdi chiare ed hanno differenti caratteristiche a seconda di come si trovano collocate sul fusto: quelle basali sono piuttosto picciolate e leggermente incise, mentre le foglie apicali sono sessili, estremamente fini e con delle incisioni che arrivano notevolmente in profondità.

I fiori hanno delle dimensioni particolarmente ridotte, con cinque petali di colore bianco o rosa, che si sviluppano all'interno di infiorescenze ombrelliformi che vengono a maturazione in modo scalare.

La fioritura si verifica nel corso della prima parte della stagione estiva, in particolar modo nel corso del periodo compreso tra il mese di giugno e quello di luglio.

I semi hanno una forma tondeggiante, con una colorazione marroncina chiara, caratterizzati da un profumo piuttosto sgradevole nel caso in cui non siano ancora giunti a maturazione, mentre una volta raggiunta tale fase presentano un aroma piacevole.

I semi di coriandolo conservano la loro capacità di germinazione per circa due anni e rappresentano la parte della pianta di coriandolo che viene maggiormente impiegata per differenti usi.

coriandolo

CONF. 12 pz. Tubo Cannone Sparacoriandoli COLORATI Compleanno Festa Party 40 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,8€


Varietà

coriandolo 2 Le cultivar di coriandolo si possono differenziare in relazione alla dimensione dei semi ed alla parte della pianta che viene sfruttata.

Le varietà utilizzate in tutti quei territori dal clima tropicale fanno parte della sottospecie vulgare ed hanno la particolare caratteristica di aver dei semi di buona dimensione (con un diametro che raggiunge i cinque millimetri) e vengono utilizzati per la produzione degli stessi semi di coriandolo.

Le cultivar che vengono invece utilizzate in tutte quelle zone caratterizzate da un clima particolarmente temperato fanno parte della sottospecie microcarpon, che ha la particolare caratteristica di avere dei semi piccoli, con un diametro che raggiunge a malapena i tre millimetri e sono impiegati soprattutto nella produzione di olio, foglie e semi.

  • cerfoglio Il cerfoglio, il cui nome scientifico è “Anthriscus cerefolium”, è una pianta che fa parte della grande famiglia delle Ombrellifere.Si tratta di una pianta annuale che presenta delle foglie che somi...
  • cumino Il cumino dei prati, che viene anche chiamato con il nome di carvi o cumino tedesco, fa parte della famiglia delle Ombrellifere, al genere Carum ed alla specie carvi.Si tratta di una pianta erbacea ...
  • "fiore di mandorlo" I fiori di mandorlo sono i primi a sbocciare in primavera, talvolta nel tardo inverno, e per questo simboleggiano la speranza, oltre che il ritorno in vita della natura ma, sfiorendo nell’arco di un b...
  • surfinia purple La surfinia è una petunia pendula. Appartiene al genere Petunia e alla famiglia delle Solanaceae. E’ un ibrido derivato dall’incrocio tra Petunia nyctaginiflora e Petunia violacea. La petunia è origin...

CONF. 12 pz. Tubo Cannone Sparacoriandoli COLORATI Compleanno Festa Party 60 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,15€


Clima e terreno

Il coriandolo predilige quei climi temperati, in cui i valori termici che risultano adatti per la germinazione sono compresi tra i 10 e i 15 gradi centigradi.

Si tratta di una pianta che presenta una buona resistenza nei confronti delle temperature che scendono intorno allo zero termico.

L'esposizione migliore per questa pianta è quella in luoghi in pieno sole, ancora meglio se sono riparati dai venti.

Il coriandolo preferisce tutti quei terreni particolarmente sciolti, con un medio impasto, un ottimo livello di drenaggio e calcarei, però riesce a vegetare molto bene anche sui terreni argillosi e subacidi, mentre non sopporta i terreni umidi e compatti, dato che sono particolarmente soggetti ai ristagni idrici, che possono essere la causa della morte di questa pianta.


Tecniche di coltivazione

La propagazione del coriandolo si verifica per seme, ma bisogna procedere a diverse operazioni di affinazione del terreno prima di effettuare la semina.

La semina deve essere svolta nella parte iniziale della stagione primaverile, soprattutto nel corso del mese di aprile, con il seme che viene collocato direttamente nel terreno a circa 3-4 centimetri di profondità.

Le distanze tra le varie file devono essere di almeno trenta centimetri, mentre sulla fila di 3-4 cm la densità di semina superiore alle 100 piante al metro quadro.

Il consiglio è quello di utilizzare ampi avvicendamenti, cercando di non seminare sul medesimo terreno il coriandolo, oppure una coltura che fa sempre parte della famiglia delle Ombrellifere nei successivi quattro-cinque anni.

E' importante tenere sempre sotto controllo le erbe infestanti, effettuando delle sarchiature tra una fila e quella successiva.

Il coriandolo è una pianta che necessita di elevate quantità di fosforo, che deve essere distribuito insieme al potassio nel corso del periodo in cui si realizza il letto di semina, mentre l'azoto deve essere distribuito all'impianto evitando ogni tipo di eccesso, altrimenti si ottiene un pericoloso effetto di far crescere le piante troppo velocemente.


Raccolta

La raccolta deve essere eseguita tagliando le ombrelle in precedenza della maturazione completa; successivamente si devono collocare in pieno sole su un telo, dato che in caso contrario viene effettuata una mietitrebbiatura al termine dell'estate, nel momento in cui le piante sono secche ed emettono un odore particolarmente gradevole.

Un'altra parte della pianta viene impiegata in minor quantità ed è rappresentata dalle foglie, che di solito vengono raccolte già 20-30 giorni dopo la semina e, nella maggior parte dei casi, non vengono essiccate per via del fatto che si utilizzano fresche.

Dai semi di dimensione più piccola si estrae fino al 2% dell'olio essenziale, al cui interno sono presenti sostanze come linaolo, borneolo, geraniolo e geranil-acetato.

I semi si devono conservare in piccoli sacchetti di carta.


Coriandolo: Uso in cucina

coriandolo Il coriandolo è una pianta aromatica mediterranea che viene impiegata nelle nostre cucine per la creazione di svariate ricetta. In particolar modo il coriandolo è esportato in India e America Latina dove le foglie vengono fatte essiccare per poi essere utilizzate secche. Questa pianta, o meglio le sue foglie, consentono di donare quel sapore in più a pesce, carne, verdure e non solo; il coriandolo si usa anche per profumare biscotti, birre, confetti. Una curiosità per esempio è quella sulla spezia chiamata curry: uno degli ingredienti di questa spezia è proprio il coriandolo, dove i semi vengono macinati e utilizzati per creare questa sostanza. Un altro importante impiego è l’utilizzo in Oriente del coriandolo al posto del prezzemolo. Insomma il coriandolo è una pianta il cui utilizzo non si limita solo alla sua regione d’origine, ossia l’area mediterranea, ma si estende oltre i confini ed è conosciuta in tutto il mondo!



COMMENTI SULL' ARTICOLO