Coltivare orto sul balcone

Parola chiave per l'orto sul balcone: sfruttare lo spazio

L'orto sul balcone, da alcuni chiamato anche orto urbano, ha i suoi svantaggi, è vero. Ma, a differenza dell'orto in giardino, può permettere di sfruttare la verticalità creando degli spazi incredibili. Una delle soluzioni più tipicamente adottate dai contadini urbani è quella di fissare un supporto ai muri del balcone a cui appendere i vasi. A questo scopo si possono utilizzare dei semplici ed economici supporti per rampicanti, oppure dare più stile al terrazzo con dei bancali. Se il balcone ha anche un soffitto, questo è un altro spazio che può e deve essere sfruttato: con un semplice trapano si possono aggiungere dei ganci ai quali appendere dei portavasi. Con dei giochi d'incastri ben studiati, il balcone può trasformarsi in un orto che nulla ha da invidiare a quelli in giardino.
Uno spazio ben sfruttato

Il Kit Piante da Cocktail di Plant Theatre - 6 varietà da coltivare - Un fantastico regalo per gli amanti del giardinaggio che non disdegnano di farsi un bicchierino.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Cosa coltivare sul balcone

Basilico in vaso Tanto per cominciare, prima ancora di riflettere su come struttare lo spazio, bisogna decidere cosa coltivare sul balcone. Sebbene possa essere invitante l'idea di autoprodurre tutta la frutta e la verdura di cui abbiamo bisogno, è necessario anche tenere conto di alcuni limiti obiettivi. Innanzitutto, alcune piante richiedono una porzione di terreno così ampia e profonda che occuperebbero troppo spazio, sottraendolo ad eventuali altre coltivazioni. Parliamo ad esempio del rabarbaro. Inoltre, se si è alle prime armi conviene cominciare con qualcosa di semplice, per esempio con le piante aromatiche. Il basilico, la menta, il timo sono a prova di principiante, mentre i fagiolini richiedono una maggiore esperienza. Il consiglio è dunque di partire dalle cose semplici e piccole, e mano a mano allargare il proprio orto con gli anni e l'esperienza.

  • attrezzi da giardino Quando si parla di attrezzi per il giardinaggio, occorre fare una netta distinzione tra gli attrezzi di un giardiniere professionista e quelli di chi ha solo una passione per la cura del giardino. in ...
  • giardino fiorito Il giardino richiede cura e manutenzione costante, poiché le piante e i fiori devono essere seguite costantemente durante l’anno. Il giardinaggio è la tecnica che si occupa della coltivazione di piant...
  • armadio da giardino in legno Il giardino è uno spazio verde che richiede una costante cura soprattutto per gli alberi e i fiori che devono essere periodicamente innaffiati, potati, concimati, e per svolgere tutte queste azioni di...
  • panchina per giardino Affinché il giardino risulti essere uno spazio davvero completo bisogna dedicare una cura particolare a quelli che sono i complementi d'arredo. Mentre l’arredamento riguarda soprattutto i mobili del g...

Il Kit Fiori Gourmet di Plant Theatre - 6 varietà di fiori commestibili da coltivare - regalo ottimale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Basilico e pomodori, ma attenti alla menta!

Pomodori, basilico e cetrioli Forse non tutti sanno che basilico e pomodoro non si sposano solo sulla pasta, ma anche nel balcone. In che senso? Nel senso che si aiutano l'un l'altro a crescere rigogliosi e sani semplicemente condividendo lo stesso vaso. Altro dettaglio interessante delle piante di pomodoro è che tengono alla larga le zanzare in modo naturale. Attenzione invece alla menta, nemica giurata di qualsiasi altra pianta. La menta dà grandi gioie a chi la coltiva, essendo fondamentalmente molto autonoma: se non innaffiata non muore, se trascurata resiste, e ogni anno rispunta. Ma questa resilienza della menta rischia di andare a discapito delle piante con cui condivide la terra, alle quali ruba poco a poco spazio fino a soffocarle completamente. Ebbene sì: la menta è una pianta infestante, ed è quindi meglio racchiudere le sue odorose chiome in un vaso a sè stante.


Coltivare orto sul balcone: Le tre R della coltivazione in vaso

Persino l'uva può essere coltivata in vaso La coltivazione in vaso ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi. Se, da un lato, resiste meglio alle intemperie, dall'altro richiede maggiore dedizione perché l'acqua non arriva spontaneamente alle piante e i vasi sono ambienti chiusi dove non c'è ricambio di nutrienti. Da qui le tre R della coltivazione in vaso: Rabbocco dei nutrienti, Regolazione dell'umidità, Rinvaso. Partiamo dal fondo, con il rinvaso. La questione è semplice: crescendo, le piante richiedono più spazio, perciò vanno rinvasate. Per ogni varietà esistono tempistiche precise, ed è bene dunque informarsi. Regolazione dell'umidità: in questo caso si parla semplicemente dell'innaffiatura, che deve essere diversa per piante diverse. Infine il rabbocco dei nutrienti: a differenza di un ambiente aperto, in vaso i nutrienti si consumano e la cosa migliore è rabboccarli con un concime, possibilmente naturale e organico.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO